La BBC in HD, anche per Wimbledon

di Redazione Commenta

Per l’audio, naturalmente, Dolby. Già dalla scorsa estate gli spettatori britannici del servizio di test BBC HD hanno potuto apprezzare la copertura live in HD del torneo di tennis di Wimbledon HD completato da ottimo audio surround in Dolby Digital. In onda già dall’estate 2006, BBC HD è ricevibile da diverse piattaforme satellitarie via cavo, ed è stata testata anche in una zona limitata nell’area londinese come digitale terrestre. Ha sempre mandato in onda la programmazione della BBC in HD ed ha avuto l’importante funzione di test tecnico. Oltre alle molte ore di programmazione in HD previste ogni sera, questo canale dedicato della BBC manda in onda anche eventi speciali come i Proms (Proomenade Concerts).

Lanciato nel 1877, il torneo di Wimbledon All England Lawn Tennis e Croquet Club è senza dubbio uno dei maggiori momenti di spettacolo per lo sport.
I fan a casa in quest’ultima edizione hanno visto le immagini riprese in HD completa di commento sonoro in surround digitale. L’atmosfera del campo centrale di Wimbledon (Centre Court) è stata catturata soprattutto da un array di microfoni stereo fissati appena sotto la camera principale, che fornivano segnali direttamente ai canali frontali Sinistro e Destro.

Sempre sui canali Sinistro e Destro sono stati instradati i segnali di due microfoni mono che fronteggiavano la folla a sinistra e destra del campo di gioco.
Il suono degli spettatori è stato enfatizzato dalle riprese di un sistema microfonico Schoeps MSM montato sulla tettoia al di sopra della folla che ha contribuito molto all’”immagine surround”.

Altri microfoni addizionali sono stati utilizzati sulla sedia del giudice di gara per catturare i commenti ufficiali.

Bill Whiston, della sezione BBC Outside Broadcasts e supervisore del suono al Centre Court, ha preferito non mixare il parlato del commentatore sul canale Centrale, come invece hanno fatto molti altri servizi tv che ritrasmettevano l’evento. Ha preferito mixarlo sui canali Sinistro e Destro e inviandone solo una piccola parte al Centrale.
“Al momento la discussione è ancora è in atto e riguarda il fatto che il commento parlato debba essere confinato solo al canale Centrale o meno,” ha dichiarato, “o se il Centrale debba essere ignorato o utilizzato con moderazione. Altrimenti, e questa è la mia opinione, può andare a peggiorare l’immagine in stereo.”

Il Mixing è stato effettuato con una console Calrec Sigma, e monitorato – così come i vari downmix – grazie a un Dolby DP570 Multichannel Audio Tool. I metadati creati dal DP570 sono stati instradati con l’audio a un rack Axon Synapse che conteneva una coppia di schede di encoding Axon Dolby E (e associate schede di ritardo video). Il rack con apparati Axon conteneva anche degli embedder HD che realizzavano il feed HD-SDI, spedito via cavo al BBC Television Centre, e anche al veicolo mobile che registrava dal vivo su VTR a nastri.

Il playout della BBC HD è gestito dalla Red Bee Media dal suo centro White City, che l’azienda definisce il centro più grande e dedicato in Europa.

Prima del lancio del canale BBC HD, la BBC e la Red Bee avevano concordato il formato di distribuzione dei feed. Tale formato comprende l’impiego del Dolby E sulle tracce 3 e 4 per veicolare l’audio su 5.1 canali. Questo formato di trasmissione, che è stato impiegato sia per la trasmissione live e per tutta la programmazione pre-registrata su nastri, semplifica di molto la gestione dei feed in arrivo da parte della Red Bee.

All’interno del centro di playout della Red Bee, i feed HD-SDI in arrivo dai server di playout o da sorgenti dal vivo (come Wimbledon) sono passati nel sistema Axon Synapse. Questo fa in modo di controllare in automatico se il Dolby E è presente sulle tracce 3 e 4.Se effettivamente il segnale Dolby E è presente, viene decodificato alla banda base audio in 5.1 e passato a un mixer della Pro-Bel dove vengono aggiunti i commenti fuori campo. Dato che la decodifica Dolby E ha un ritardo costante di un frame video, in sincrono col frame rate del video, gli apparati della Axon possono essere facilmente settati per ritardare il video di un frame. Ciò significa che la gestione del sync A/V è realizzata all’interno del sistema ed è trasparente per l’operatore.

Dopo l’aggiunta dei commenti fuori campo allo stream, l’audio viene ri-encodato col Dolby E grazie ad altri apparati Synapse, pronto per l’implementazione finale nel contributo stream HD-SDI.

Se nel programma non è presente uno stream Dolby E, il decoder Axon Dolby E automaticamente commuta sul segnale stereo sulle tracce 1 e 2. Poi il segnale stereo viene passato a un mixer Pro-Bel per i voiceover da aggiungere e ai rack Axon per la codifica in Dolby E come segnale 2.0 (con metadati preset stereo aggiunti all’interno dell’encoder Dolby E).

Non ha importanza come i feed arrivino alla Red Bee, comunque ripartono come stereo su 1 e 2 e Dolby E su3 e 4, in sync col video. Questo set-up assicura che ci sia sempre un feed audio in arrivo agli encoder Dolby Digital, e che il formato audio sia identificato correttamente nello stream dei metadati. Questo fa in modo che il decoder nelle mura domestiche automaticamente commuti nella corretta modalità di riproduzione — producendo la migliore qualità possibile di audio senza alcuna interazione da parte dello spettatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>