Spopola la bufala sul nuovo codice della strada 2019 oggi 19 marzo

di Gio Tuzzi Commenta

Primi dettagli sulla bufala riguardante il nuovo codice della strada 2019 oggi 19 marzo, grazie a quanto raccolto tramite le app di messaggistica

nuovo codice della strada 2019

Emerge oggi 19 marzo la bufala riguardante il nuovo codice della strada 2019, in merito ad una catena che sta girando molto in queste ore su Facebook e WhatsApp. Vengono infatti annunciate alcune misure per limitare l’utilizzo dello smartphone mentre si è alla guida, ma come precisa bufale.net in realtà non cambia nulla da oggi 19 marzo, contrariamente a quanto si dice nel messaggio in questione.

In un contesto del genere, diventa molto importante analizzare più in profondità il testo che veicola la fake news sul nuovo codice della strada 2019, considerando che la fonte sopra citata consente anche di individuare cosa sia possibile fare alla guida e cosa sia vietato:

“Facciamo attenzione.
A partire da Martedì prossimo entrerà in vigore il nuovo codice della strada. Oggi è stato approvato l’articolo più pesante, ed è giusto così:
*chiunque verrà sorpreso alla guida del veicolo, anche se è fermo  ai semafori o agli stop, con il cellulare  o altri apparecchi*
la sanzione è la seguente: *ritiro immmediato della patente* e una *multa da 180 €uro fino a 680 €uro.*Quindi stiamo tutti molto attenti, organizziamoci con i viva voce e *se indossiamo gli auricolari ricordiamoci che un orecchio deve restare libero*
Il fatto di avere il telefono in mano e parlare attraverso il vivavoce dello stesso, comporta ugualmente la sanzione. A cui andra’ aggiunta la sanzione guida con una mano da €161 e 5 punti in meno..
Fai girare a manetta!”.

Insomma, fate molta attenzione alle storie che si raccontano sul nuovo codice della strada 2019, soprattutto in riferimento alla bufala Facebook e WhatsApp di cui tanto si parla oggi 19 marzo per il pubblico italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>