Gli stati spia

di Blogger 7

Gli stati spiaLa direttiva Europea 2006/24/CE sull’archiviazione dei dati ( data retention) è in attesa di essere recepita nell’ordinamento italiano, questo ordinamento prevede che i dati delle connessioni internet cosi come lo scambio di mail , chiamate dal cellulare dovrebbero essere raccolte in banche dati.
Non viene fatta nessuna differenza tra innocenti e sospetti, quindi in sostanza vengono registrati i dati di tutti,anche se solo le autorità preposte possono accedere a questi dati per effettuare dei controlli in ambito di una indagine.
I paesi Europei, hanno già adeguato le loro leggi, il servizio segreto Svedese da giugno può già controllare lo scambio mail che passa attraverso le linee svedesi, non solo memorizza i dati ma ne analizza il contenuto.
Oltre alla Svezia in base ad uno studio di privacy International Gran Bretagna e Francia sono i principali paesi spia dell’Europa , dall’altro capo del mondo l’Australia addirittura promuove un nuovo modello di archiviazione dati che prevede il controllo dei dati finanziari
Entro la fine del 2009 nel Queensland australiano quasi 480.000 studenti dovrebbero essere schedati nella banca dati OneSchool con foto, contatti, ma anche informazioni personali.
Insomma il Grande Fratello politico incomincia a bussare anche alle porte Italiane

Commenti (7)

  1. EWWIWA LA LIBERTA’!!! insomma, siamo in gabbia, l’unica via d’uscita è scappare nell’universo, forse! TERRA A UFO – TERRA A UFO, VI PREGO, SALVATECIIIIIII!!!!!!!

  2. Per quanto mi riguarda, se hanno tempo da perdere e soldi da spendere, possono memorizzare tutto quello che vogliono sui miei dati, la mia posta e la mia navigazione su Internet, così come possono ascoltare tutte le mie telefonate.
    Chi non ha nulla da nascondere non può preoccuparsi e scandalizzarsi di queste cose.
    Questo “terrorismo psicologico” fa comodo solo a chi ha la coscienza sporca.
    Ma quanti sono realmente?
    Molti più di quanti si creda, per un motivo o per l’altro….

  3. emigrare o sperare in una atomica che distrugga sto mondo di pazzi furiosi che giocano alla guerre stellari e per cosa??????? quando i peggiori deliquenti sono al governo …. vedi i bush i berlusconi ,…i putin,,,,,,,,,,,,,,,,,, quando faremo una rivoluzione per cacciarli???? gli americani hanno gia cacciato il loro criminale pazzo…noi quando??????

  4. @zarco: noi iniziamo a cacciare te.

  5. Era prevedibile accadesse, ma non per questo coglie meno di sorpresa. E sorpresa spiacevolissima . Insomma questa UE sempre più si distanzia da quella Unione Europea che si vagheggiava alle origini e che faceva sognare e sperare: apertura delle frontiere, scambio culturale, condivisione, diritti: il sogno dei suoi profeti e precursori E’ diventata quella dei muri alle frontiere, quella dei compromessi sull’ambiente e sui diritti, quella ficcanaso, quella che non prende posizione nelle grandi violazioni dei diritti umani in alcuni stati(salvo rare eccezioni e timide), quella che antepone il business e chiude gli occhi su quelle violazioni . Si’ questa disposizione che commentiamo sembra proprio essere il Grande Fratello, quello di 1984 e di Farhenheit 751. In “Farhenheit” e in 1984 era molto cattivone, qui non tarderà a diventare sempre più ingordo di dati e particolari di noi tutti, e sperando si fermi li’. Be’, non vedo altro modo che ricominciare a scrivere con la penna la corrispondenza, ma non perche’ le mail siano portatrici di qualche delitto o segreto ma per principio, per l’essersi resi conto via via che la Rete cosi’ favoleggiata diventa una Rete che stringe, una bella rete da pesca di tutti noi e della nostra vita privata. E poi rincontriamoci per strada e nelle case e nelle associazioni e ritrovi con i corpi e non virtualmente – sapendo che lo spione è li’ che ridacchia..

  6. Elias, ricordi quale è la fonte dell’articolo che citi nel tuo sito, e che tesse soavemente le lodi del microchip sottopelle? Grazie!

  7. Il Corriere della Sera dell’11 aprile 2002

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>