Mazzata per Spotify gratis a partire da oggi 8 marzo

di Gio Tuzzi Commenta

Mazzata per Spotify gratis a partire da oggi 8 marzo, se consideriamo tutte le notizie che sono state inviate tramite email agli utenti interessati

Occorre un approfondimento in queste ore per quanto riguarda la vicenda di Spotify gratis, in quanto in questi giorni stanno arrivando messaggi anche tramite posta elettronica che sembrano lasciare poco spazio di trattativa per chi fino ad oggi ha fatto il furbetto. Cerchiamo dunque di capire come stanno le cose arrivati ad oggi 8 marzo in Italia.

Proviamo a fare chiarezza su questa vicenda, andando ad analizzare più nel dettaglio quanto è stato annunciato dal team di sviluppo per chi finora ha sfruttato Spotify gratis:

“Abbiamo rilevato attività anomale sull’app che stai utilizzando, quindi l’abbiamo disabilitata. Non preoccuparti: il tuo account Spotify è sicuro. Per accedere al tuo account Spotify, è sufficiente disinstallare qualsiasi versione non autorizzata o modificata di Spotify, scaricare e installare l’app Spotify dal Google Play Store ufficiale. Se hai bisogno di ulteriore assistenza, consulta la nostra guida di supporto”.

Se rileviamo l’uso ripetuto di app non autorizzate in violazione dei nostri termini, ci riserviamo tutti i diritti, inclusa la sospensione o la chiusura del tuo account”.

Un chiarimento importante quello giunto in questi giorni per chi ha utilizzato Spotify gratis, che potrebbe rappresentare l’inizio di una nuova importante fase per il pubblico da sempre interessato ai suoi servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>