Corsi su You Tube grazie a l’università di Berkeley

di Marco Commenta

University of California Berkeley
L’università di Berkeley ha deciso di pubblicare su YouTube le registrazioni di alcuni dei suoi corsi. Sono già disponibili 300 ore di lezioni, altre arriveranno nei prossimi mesi.

Come frequentare i corsi del prestigioso istituto californiano senza pagare i 33mila euro di salata retta annuale? Ci sono due metodi: uno è quello di chiedere (e meritare) una borsa di studio, l’altro è quello di accendere il computer e collegarsi a YouTube. La University of California ha messo a disposizione di tutti, online e gratuitamente, oltre 300 ore di lezioni e progetta di aggiungerne molte altre nei prossimi mesi. Nei primi giorni della sperimentazione i video di Berkeley sono stati visitati da migliaia di persone, anche se non fanno sbellicare dalle risate come altri più gettonati. La star, tra i docenti dell’ateneo, è il professor Richard Mueller con il corso “La fisica insegnata ai futuri presidenti”. “Per chi ha la passione di insegnare, si tratta di un’avventura emozionante: i miei studenti sono ora dovunque nel mondo e non devo neppure far fare loro gli esami…”, commenta Mueller, che insegna fisica di base ricorrendo a esempi dalla vita di tutti i giorni e utilizza già supporti multimediali per catturare l’attenzione degli studenti. Non è la prima iniziativa multimediale di Berkeley. Lo scorso anno, l’istituto iniziò a distribuire i podcast audio dei suoi corsi tramite iTunes. Entro la fine del 2007, l’università californiana conta di distribuire audio o video di 86 corsi completi e oltre un centinaio di altri eventi, per 3.500 ore di contenuti online. L’accordo con YouTube, dicono i boss di Berkeley, aiuterà la promozione dalla University of California e porterà più iscrizioni all’ateneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>