La commissione europea accusa Intel di abuso di posizione

Spread the love

La Commissione Europea si è espressa in favore di AMD accusando Intel di abuso di posizione dominante nel mercato dei microprocessori x86, Intel viene accusata di aver arrecato un danno a milioni di consumatori europei escludendo, deliberatamente e per diversi anni, i concorrenti dal mercato dei processori.
Una grave violazione delle norme antitrust, ha sottolineato la Commissione, non può essere più tollerata.
La Commissione ha punito con una multa record da 1,06 miliardi di Euro.
“La decisione di oggi rappresenta un passo importante nella creazione di un vero mercato competitivo” dichiara Dirk Meyer, AMD President and CEO. “AMD è sempre stata un leader nell’innovazione tecnologica e finalmente potremmo passare da un mondo regolato da Intel a uno regolato dai consumatori”.

Intel ha infranto la legge e i consumatori sono stati danneggiati, queste le dichiarazioni di Tom McCoy, AMD Eexecutive Vice President for Legal Affairs.

Intel offriva forti ribassi ai singoli produttori di PC in cambio della garanzia di acquisto di CPU x86 esclusivamente Intel.
E’ stato accertato il pagamento effettuato da Intel a beneficio della catena Media Saturn Holding, per l’impegno di quest’ultima a vendere, nel periodo ottobre 2002 – dicembre 2007, solo macchine Intel based.
Che dire un duro colpo per la Intel, ma se questo servirà a migliorare il servizio per i consumatori forse è stata una sentenza importante.

Lascia un commento