Elettrodomestici, il mercato sente la crisi

di Michele Costanzo 1

La crisi economica pesa sul mercato dell’elettronica di consumo che nel primo semestre 2011 ha registrato un calo complessivo dell’8% con un picco negativo a giugno quando si è registrato un calo di undici punti percentuali. I dati, riportati da Il Sole 24 Ore, evidenziano una difficoltà complessiva del settore come effetto della contrazione dei redditi ma anche per il venir meno delle incentivazioni che avevano sorretto il mercato nel 2010. Tra i cali più evidenti si evidenzia quello dei televisori (-40% a giugno) che nel 2010 era stato trainato dal passaggio al digitale terrestre di alcune delle regioni a maggiore densità abitativa.

In difficoltà è apparso anche il mercato dei grandi elettrodomestici con una punta negativa del 13% a maggio. Frigoriferi, cucine e lavatrici scontano il venire meno delle incentivazioni statali anche se alcuni trend positivi evidenziano la vitalità del settore. Tecnologie a più alto tasso di innovazione come i frigoriferi NoFrost ed i piani cottura ad induzione segnano infatti un aumento delle vendite. In calo sono invece gli acquisti di condizionatori penalizzati da una estate mediamente più fresca che negli anni passati.

E’ invece positivo l’andamento dei piccoli elettrodomestici per la cucina, per la pulizia e per la cura personale che segnano un generale aumento delle vendite. A due volti il mercato della fotografia digitale che registra un calo sul lato consumer con una contrazione delle vendite dell’11,9% delle fotocamere compatte. Il segno positivo caratterizza invece il mercato professionale delle reflex e degli obiettivi che hanno registrato un aumento delle vendite dell’8,3. Complessivamente tuttavia il settore resta in negativo con un calo delle vendite del 7,3%.

A margine di questi dati, l’elettronica di consumo conferma l’apprezzamento del pubblico per i nuovi prodotti dell’informatica con notebook, netbook e tablet che registrano una crescita a due cifre del 13%. Meno brillanti le performance dei computer desktop il cui mercato soffre della concorrenza dei nuovi dispositivi portatili e dalla mancanza di innovazioni di rilievo.

[Via | Il Sole 24 Ore]
[Photo Credits | Tumi-1983 – Wikipedia]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>