Facebook svela la durata delle relazioni sentimentali

di Paolo Testa Commenta

 Facebook da tempo fa parte della vita di milioni di utenti, milioni di utenti che ogni giorno condividono e lanciano messaggi attraverso il social network più famoso al mondo. Dato il forte sviluppo di Facebook e il maggior uso che quotidianamente persone di tutto il mondo ne fanno, ci sono stati notevoli studi di natura sociologica e psicologica sul social network in questione. Quest’ultime scienze sociali hanno dato vita a diverse teorie sul merito, diverse teorie che è possibile ritrovare su Facebook svela il carattere degli utenti: ecco come.

Si era anche molto parlato della questioni legate ai dati che il social network include, come nel caso di Novità per la privacy di Facebook e Google. Ma ora è proprio Facebook ha lanciare un nuovo lato del social network, un nuovo lato legato alle storie d’amore. Infatti, sarà proprio la fitta rete di relazioni del profilo dell’utente che riuscirà a dare dei dati sulle relazioni. Il prossimo febbraio verrà presentato uno studio firmato da l’ingegnere Lars Backstrom e dall’analista informatico della Cornell University, Jon Kleinberg.

Secondo lo studio di Lars Backstrom e Jon Kleinberg sulla base di quelle che sono i rapporti e gli scambi tra l’utente in questione e gli altri contatti (i due studiosi lo hanno definito “tasso di dispersione”), si riuscirebbe a evidenziare quanto una coppia sia sul punto di rimanere in piedi o meno e per quanto tempo. Una nuova tappa per Facebook e per i social network che evidenziano come vi sia un chiaro legame psicologico dietro l’interagire su Facebook e dietro i messaggi che con lo stesso social network si cerca spesso e volentieri di mandare.

Photo Credits – https://www.facebook.com/facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>