Pirateria informatica: Microsoft è dalla parte dei consumatori

Sono molte le persone che ogni giorno cadono inconsapevolmente nella trappola della contraffazione e della pirateria informatica con la conseguenza di esporre il proprio computer ad attacchi informatici e sostenendo un cospicuo e illegale giro d’affari, che in particolare in Italia sta raggiungendo valori significativi . Quindi oggi più che mai è l’acquirente a pagarne le conseguenze: il mercato del software è, infatti, sempre più orientato verso prodotti implementabili e aggiornabili via Web e le aziende, per essere vicine ai propri clienti, utilizzano questo canale per fornire loro gli aggiornamenti necessari alla sicurezza e per garantire nuove funzionalità. Un software non originale di solito impedisce questo processo lasciando il sistema non adeguatamente protetto, oltre a non poter usufruire delle funzionalità del proprio PC in modo completo dal momento che non consente di aggiornare i programmi installati.

Read more

OpenOffice.org: Un milione di download nel 2008


L’Associazione PLIO annuncia che i download della versione italiana di OpenOffice.org hanno superato il traguardo di un milione di unità in soli 107 giorni – circa tre mesi e mezzo – dall’inizio del 2008, a una media di oltre 9.300 download al giorno. Impressionante il ritmo dall’annuncio di OOo 2.4, visto che in 23 giorni i download sono stati più di 370.000, pari a una media di 16.900 al giorno.

Read more

Adobe lancia la prova beta pubblica di Photoshop Express


Adobe ha aperto ieri alla prova pubblica “Photoshop Express”, un programma WEB 2.0 realizzato con tecnologia Flash.

www.photoshop.com/express

Photoshop Express attualmente è un raccoglitore di fotografie on-line, con una capienza di 2GB, che da la possibilità di effettuare operazioni di fotoritocco base sulle foto, con un’interfaccia senza ombra di dubbio molto attraente, anche se metterà alla prova il vostro PC.

Read more

Sempre connessi, a casa e fuori: siamo pronti a vivere una “connected life”

Secondo una recente ricerca Cisco, il 90% della popolazione europea desidera nuovi servizi per avere sempre a disposizione musica, video e tutti i contenuti digitali di casa. La percentuale è maggiore di quella registrata negli USA, dove gli interessati sono il 77%.
Europei ed Italiani sono pronti per vivere una “connected life”: una vita in cui sia possibile accedere sempre e ovunque ai contenuti digitali, utilizzando prodotti e servizi che permettano di farlo con semplicità.
E’ quanto emerge dalla ricerca “Connected Life – Consumer Trends and Content Strategies” dell’Internet Business Solution Group (IBSG) di Cisco, realizzata su un campione di 1.500 consumatori europei (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna) che dispongono di una connessione internet a banda larga, ADSL o fibra ottica.

Read more

Peppermint, il Garante protegge gli utenti P2P

Una decisione considerata di enorme rilievo quella assunta dal Garante della Privacy a conclusione dell’istruttoria sul caso Peppermint: ha affermato che è “illecito spiare gli utenti che scambiano file musicali e giochi” sulle reti del file sharing. Una decisione che toglie terreno sotto ai piedi di quelle case dell’intrattenimento che fanno e han fatto ricorso al P2P per poter analizzare le attività degli utenti e incastrarli proprio sulla base di quelle attività.
Il Garante ha stigmatizzato l’uso che la svizzera Logistep, per conto della società discografica Peppermint, aveva fatto dei propri strumenti software: come ben sanno i lettori di Punto Informatico erano stati usati per quello che l’Autorità ha definito “un sistematico monitoraggio delle reti peer to peer”, un’attività che Logistep aveva svolto – specifica il Garante – anche per conto della Techland (come anche di molti altri).

Read more

Ati lancia la nuove versione di driver Catalyst 8.3 per CrossFireX

AMD ha annunciato il rilascio del suo nuovo driver grafico che migliora ulteriormente la Ultimate Visual Experience™ per gli appassionati di videogame su PC. Scaricabile dal 5 marzo, ATI Catalyst 8.3 rappresenta un nuovo traguardo nell’evoluzione di questo software che ora fornisce sia il supporto di CrossFireX™ per Windows Vista® – supportando per la prima volta a livello mondiale gli ambienti quad-GPU e offrendo un supporto scalabile ed economicamente conveniente per gli ambienti triple-GPU – sia la ATI Hybrid Graphics Technology. Le funzioni multi-GPU offrono agli amanti dei videogame un’esperienza molto più realistica e totale in quanto possono giocare in alta risoluzione con configurazioni video di altissima qualità, a fronte di una grande competitività economica rispetto alle soluzioni multi-GPU concorrenti.

Read more

Pirateria: Italia ai primi posti nella lista nera per software e musica

Sfiora il miliardo di euro la perdita annua del comparto IT italiano causata dalla pirateria del software; 80.000.000 di euro è invece la perdita del settore musicale. L’Italia è ai primi posti in Europa nella black list della pirateria, sebbene abbia una normativa in alcuni casi avanzata e dalle spiccate tendenze punitive. Questi sono alcuni dei dati emersi durante il convegno “Pirateria: software, musica e video. Condotte lecite e violazioni”, organizzato da Assintel per aprire un confronto e una riflessione integrata sul tema, coinvolgendo Guardia di Finanza, BSA e F.P.M.
La diffusione delle tecnologie e della web-society ha aperto scenari nuovi, che impattano non solo sulle opportunità di accesso all’informazione, ma anche – e negativamente – sulle opere tutelate dal copiright, determinando ingenti danni economici.
Secondo Marco Ornago, Segretario Generale di BSA Italia, nel 2006 l’Italia ha registrato un tasso di pirateria del software pari al 51%, collocandola insieme a Grecia e Cipro fra i Paesi con un indice più alto. Situazione simile è registrata nel comparto musicale, dove, secondo Luca Vespignani (Segretario Generale di F.P.M.), l’Italia è al sesto posto nella black list, con il 25% del mercato illegale. Le ripercussioni stimate a livello macro-economico sono notevoli: 1,5 miliardi di euro in meno all’erario e 4,2 miliardi di euro di mancati introiti, per un settore – quello collegato alla proprietà intellettuale – che rappresenta il 4,54% del PIL.

Read more

Napolitano e Rutelli inaugurano la tecnologia anti-pirati

Inaugurando a Roma il Museo degli strumenti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il presidente della Repubblica Giorgio Napoletano e il ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli sono stati i primi a testare gli speciali computer palmari realizzati con software Axmedis, il progetto da 14 milioni di euro varato dalla Commissione UE per sviluppare e standardizzare tecnologie capaci di garantire e valorizzare la proprietà intellettuale dei contenuti digitali (film, testi, canzoni), oggi vittime di varie e diffuse piraterie.
Attraverso i palmari, che il Museo ha messo a disposizione del pubblico, Napolitano e Rutelli hanno così potuto ascoltare le voci dei tanti strumenti musicali di pregio custoditi dall’Accademia. “Un museo bellissimo”, ha commentato il presidente, “reso ancora più attraente dall’uso essenziale dei palmari”. Giudizio pienamente condiviso da Rutelli.

Read more

Scambio file legale gratis con pubblicità

Il servizio gratuito sarà finanziato grazie ai profitti della pubblicità, che Qtrax dividerà con le compagnie musicali.I dirigenti di Qtrax dicono che la tecnologia per la gestione dei diritti digitali consentirà di contare il numero di volte che il brano viene ascoltato, per ricompensare in modo equo gli artisti e i detentori dei diritti, senza restrizioni d’uso da parte dei consumatori.
La società si è particolarmente impegnata nel garantire che la sua rete sia priva di spyware o adware come i pop-up comuni su molte reti peer-to-peer.
Qtrax ha stipulato accordi con tutte e quattro le maggiori compagnie discografiche: Universal Music, Sony BMG Music Entertainment, Warner Music ed EMI.

Read more

Un milione di trial di Microsoft Office 2007 e un milione di italiani che passa a OpenOffice.org

Il PLIO, l’associazione di volontari che promuove la versione italiana di OpenOffice.org, sottolinea la sorprendente coincidenza tra il numero degli italiani che ha scaricato la versione trial di Microsoft Office 2007 – poco più di un milione, secondo un recente comunicato stampa Microsoft Italia – e il numero dei nuovi download di OpenOffice.org nel corso del 2007.
“I conti tornano, e riteniamo che non si possa trattare solo di una coincidenza”, commenta Davide Dozza, Presidente dell’Associazione PLIO. “I download della versione italiana di OpenOffice.org sono stati 800.000 nel 2006 e 1.800.000 nel 2007: la differenza sta proprio in quel milione di italiani che – stando a Microsoft – ha scaricato la versione di prova di Office 2007. Probabilmente, gli utenti hanno deciso di passare a OpenOffice.org non appena hanno realizzato che lo sforzo per adattarsi alla nuova interfaccia utente era superiore a quello richiesto per migrare alla suite open source. D’altronde, la maggior parte delle richieste di informazione che abbiamo ricevuto nel 2007, e continuiamo a ricevere nel 2008, riguarda la compatibilità di OpenOffice.org con Windows Vista”.

Read more

GoGAMES.IT. Il blog dei giochi flash, gratis, on-line


Dal network editoriale di i-dome.com una nuovo blog GoGAMES.IT (www.gogames.it).
Tutti abbiamo bisogno di distrarci per qualche minuto durante una giornata di studio o lavoro. GoGAMES.IT vuole rappresentare semplicemente questo: una ludica pausa.
Nessun gioco troppo impegnativo, o troppo lungo.
Lo scopo è di far giocare i lettori subito, online e gratis.
La scelta sarà sempre più vasta e facilitata da un breve commento sul gioco proposto e una valutazione della redazione che li ha provati per i suoi lettori.

Read more

222 mila dollari: è la multa che un’americana dovrà pagare per aver scaricato musica da Internet

La sentenza, emessa nel Minnesota, rappresenta una vittoria senza precedenti per l’industria discografica degli Stati Uniti.
Jammie Thomas è stata condannata al pagamento di 9.250 dollari per ognuno dei 24 brani scaricati illegalmente dal web per un totale di 222 mila dollari.

I media americani danno grande risalto alla vicenda che definiscono il primo caso del genere intentato dalle case discografiche e che finisce davanti ad una corte. In precedenza denunce simili erano state risolte con accordi tra le parti.
Le case discografiche avevano accusato la donna di Duluth, in Minnesota, madre e single, di aver scaricato 1.702 brani e di averli condivisi con altri internauti in violazione della legge sul copyright.

Read more