Crucial M550, una nuova generazione di drive a stato solido

di Michele Costanzo Commenta


Delle caratteristiche e dei vantaggi offerti dai dischi a stato solido abbiamo parlato spesso in passato. Questo settore continua a registrare un serrato ritmo di sviluppo come dimostrano i nuovi Crucial M550, una intera famiglia di drive SSD che combina velocità, alta capacità, e consumi energetici particolarmente bassi.

Partenze rapide e maggiore autonomia

I drive SSD sono notoriamente molto efficienti nel trasferimento dati. I nuovi Crucial M550 non fanno certo eccezione e secondo il produttore possono raggiungere prestazioni fino a 20 volte superiori rispetto ad un hard disk tradizionale. Queste potenzialità si traducono in un avvio più rapido del sistema operativo ed in una generale maggiore reattività dell’ambiente di lavoro. Vantaggi importati si hanno anche nel campo multimediale dove occorre processare il lettura e scrittura grandi moli di informazioni.

L’alto livello delle prestazioni è confermato anche dalle specifiche tecniche. I Crucial M550 offrono infatti una velocità di scrittura sequenziale fino a 500 MB/s e una velocità di lettura sequenziale fino a 550 MB/s. Con un consumo di appena 0,15 W nel funzionamento normale, i Crucial M550 migliorano sensibilmente anche l’autonomia di notebook e dispositivi mobile.

Crucial M550, tre interfacce e capacità fino ad 1 TB

Per il nuovi M550 Crucial ha scelto di proporre ben tre diversi fattori di forma. Il modello più classico, disponibile fin da subito, è quello da 2,5 pollici che sarà disponibile anche nella versione ad alta capacità da 1 TB oltre che nelle varianti da 128 GB, 256 GB e 512 GB.

Per i dispositivi più compatti Crucial proporrà invece nei prossimi mesi gli M550 nei formati mSATA ed M.2 con capacità fino a 512 GB. I medesimi prodotti saranno disponibili per gli OEM con il marchio Micron.

[Photo Credits | Crucial]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>